"Goldstein conducted with a languorous but not languid grace…"

Opera Britannia - Nicola Lischi

Reviews

LA NUOVA SARDEGNA – SASSARI - ANTONIO LIGIOS

A dirigere il concerto era il giovane Carlo Goldstein, che dopo la vittoria del primo premio all'International Conducting Competition di Graz, ha iniziato una brillante carriera che lo ha già portato a dirigere in sale e teatri prestigiosi. Un giovane di grande talento, che ha condotto il concerto senza sbavature, manifestando una bella personalità e una volontà costante orientata ad entrare nello spirito dei brani, senza dare troppo peso alla tradizione interpretativa. L'Orchestra (…) lo ha coadiuvato egregiamente…

LA VOCE DI TRIESTE - ALBERTO GODAS

Si è tenuto l’ultimo dell’anno il concerto di fine anno del Teatro Verdi, un concerto nel solco della tradizione dell’operetta e dei valzer viennesi. A dirigerlo il giovane direttore triestino Carlo Goldstein (…). Interessante l’impaginato da lui diretto che ha alternato pagine tradizionali ad alcuni inserti inusuali. (…) 
Molto buona la direzione di Goldstein, che ha ben ricreato l’atmosfera giusta del valzer viennese. Successo trionfale del concerto, con il Verdi completamente pieno ed applausi scroscianti. Non potevano mancare due bis, una Danza Ungherese di Brahms e la tradizionale Radetzky Marsch di Johann Strauss sr.

GB OPERA – MICHELE CURNIS

Recarsi a Novara per Il Matrimonio Segreto fa rivivere suggestioni degne d’altri tempi. (…) Lo spettacolo è stato di alto livello, molto curato e di felice riuscita sia nella parte più propriamente musicale sia in quella registica. In particolare il direttore, Carlo Goldstein, ha guidato orchestra e cantanti con grande padronanza della partitura; e l’Orchestra Filarmonica Italiana ha presentato al pubblico i frutti di uno studio preciso e serrato: felice l’idea di evidenziare il ruolo dei fiati fin dall’ouverture, e poi nei pezzi d’insieme drammaticamente più importanti. Goldstein si è rivelato molto equilibrato anche nel lasciare ai cantanti il giusto spazio, di volta in volta imponendo il ritmo orchestrale oppure accompagnando i virtuosismi richiesti agli interpreti. (…) Il direttore ha preferito offrire una lettura di tutta evidenza, da cui ogni pagina dell’opera riuscisse perfettamente chiara. Anche nello stacco dei tempi, Goldstein non ha mai ecceduto né in velocità né in lentezza; e si sono ascoltati alcuni momenti di buon brio, indispensabili in qualunque opera buffa.

L’IPERBOLE DEL MELODRAMMA - COMO: LA SCOMMESSA VINTA DI FARE ADRIANA LECOUVREUR CON UN CAST DI GIOVANI CANTANTI.

“Ora, a Como, si è allineata una compagnia giovane di artisti debuttanti di ruolo. Iniziando dal valente e brioso direttore d’orchestra Carlo Goldstein che ha tratto tutto il succo possibile dallo spartito, mantenendo un ottimo ritmo teatrale e rivelandosi un ottimo sostegno per le voci in scena. Voci che si distinguevano tutte chiaramente anche nei momenti di maggior concitazione (…) in ciò coadiuvato anche dall’ottima orchestra dei Pomeriggi Musicali…"
L’Opera - Andrea Merli

CORRIERE DI NOVARA

La bacchetta di Carlo Goldstein, alla testa dell’Orchestra Filarmonica Italiana è ispirata: dirige tutto a memoria, ha il giusto metronomo negli stacchi tra le varie scene, mantiene sempre palpitante e viva l’azione (…) tiene l’assieme con raffinatezza, sottolinea degnamente tutti quegli elementi comici, soavi ed espliciti, presenti nella musica, producendo un contrappunto perfetto al vorticoso palcoscenico…

IL CORRIERE MUSICALE – LAURA BIGI

Contribuisce ad un risultato generale di grande godibilità la direzione di Carlo Goldstein alla testa della Orchestra Filarmonica Italiana. Sobrietà di volume e ritmi, scorrevolezza gentile graziosa come si conviene ad un’opera di tale periodo (…) E finalmente i fiati suonano in tono!

OPERA CLICK – FULVIO ZANELLA

Questa produzione si caratterizzava anche per l’eccellente resa musicale, a cominciare dalla prestazione fornita dall’Orchestra Filarmonica Italiana diretta da Carlo Goldstein, che si è prodotta in un’esecuzione puntuale della sinfonia introduttiva, in cui si sono potuti apprezzare l’ottimo suono orchestrale e la precisione nell’intonazione. La scelta dei tempi e delle dinamiche da parte di Goldstein si è rivelata sempre efficace e pertinente ai diversi momenti musicali dell’opera…

TEATRO ORG. - MARIA LUISA ABATE

… Per bilanciare siffatta forte impronta era necessario un direttore di altrettanto spiccata personalità. Carlo Goldstein ha condotto l'Orchestra Filarmonica Italiana con polso e limpidi slanci temperamentosi che hanno musicalmente supportato i caratteri decisi tratteggiati in scena. Padrone della buca così come abile nel riprendere le redini di qualche intemperanza sul palco.

MUSICA - NICOLA CATTÒ

Bravo il direttore Carlo Goldstein … per aver diretto la buona orchestra (un plauso speciale per i fiati) con eleganza, senza strappi eccessivi, con una cura dei dettagli che ha reso giustizia alla raffinatezza della partitura. Un Matrimonio alieno, insomma, da quegli isterismi (nella dinamica e nella scelta dei tempi) che in questo repertorio oggi sono tanto di moda. Tanti, meritati, applausi.